giovedì 20 maggio 2010

raccontami...13

Per tre lunghe ore era riuscita a mantenersi in uno stato di sospensione, ma il cervello non riusciva quasi più a contenere le reazioni del corpo. Il sudore le bagnava la schiena e le mani, e un lieve tremito la scuoteva ,come dei brividi di freddo...o di paura. Non una lacrima le era uscita dagli occhi, ma ora che vedeva il chirurgo raggiungerla in sala d'aspetto, si sentiva crollare.
_"Signora Giacobbi ? Sua figlia è fuori pericolo,abbiamo sistemato le fratture e sicuramente il trauma al torace,che ci preoccupava all'inizio ,non è grave. Potrà vederla tra mezz'ora circa ."-
L'uomo le sorrideva. Anna sentì il sangue circolarle meglio nelle vene e un'ondata di calore le arrossò il viso.
Ma un attimo dopo si rese conto che qualcosa non quadrava...
_"Scusi, ma come sta mio...si insomma mio marito?"- disse in un soffio.
Il medico allora le si sedette accanto e a lei andò via il respiro,di nuovo non voleva darsi delle risposte.
_"Suo marito versa in condizioni più critiche, ora si trova in stato di coma farmacologico, le prossime ventiquattr'ore saranno decisive. Cerchi di affrontare questa cosa con fiducia e lo faccia per sua figlia."-
Il dottore era molto gentile, quando si accomiatò Anna non se ne accorse neppure, deglutì e sospirò forte. Anche respirare le faceva male, era un fascio di nervi tesi...
Anche solo pensarci a distanza di mesi, lo stomaco le si stringeva. Fece la doccia e i ricordi ripresero il loro film.
Ester dopo l'operazione,era come un uccellino caduto dal nido, così pallida
sul letto dell'ospedale, non ricordava nulla dell'incidente . Questo in qualche modo la aiutò a superare la paura.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro Papà,
ho letto il tuo commento alla 12ma puntata.
Non ti sembra di essere stato eccessivamente petulante?
In fondo l'anima del tuo personaggio, è sicuramente destinata ad aleggiare per sempre all'interno del racconto...
T.V.B.
Ester

Anonimo ha detto...

hei! E io cosa dovrei dire? Vengo a sapere, adesso, di essere un personaggio del racconto, non conosco neppure il mio nome e, a quanto pare, sto per essere impagliata senza comparire in una riga se non nei pensieri del mio medico della mutua.
cara Gioia, devo protestare ufficialmente!!
Sig. ra Lupi

Anonimo ha detto...

Per favore ragazzi, non facciamo casino...

Luigi Pirandello

Anonimo ha detto...

Io sottoscritta, Anna Giacobbi, nel pieno possesso delle mie facoltà mentali, dichiaro che , nessuna responsabilità in merito a quanto accade nelle pagine dei commenti è riconducibile al mio operato.
Pertanto, cara Gioia, ti chiedo, nell'interesse comune, di trovare al più presto una soluzione affinchè sia ripristinato l'ordine naturale del romanzo a tutto vantaggio dei lettori.
In fede.
Anna Giacobbi

Anonimo ha detto...

Mi dissocio!!

L'ostetrica

Holly

Holly
"..Davvero pensi che non ti abbia capito..."

Lothlorien

Lothlorien
" Là dove tutto il mondo s'incontra in un solo nido"